Bosco con uccelli, Giorgio Duranti, XVIII secolo

Prezzo: N.D.
Ars Antiqua srl
Via Pisacane, 55
Milano
Italy
0229529057 Comunica al venditore che chiami da Nowarc

Epoca:

Giorgio Duranti (1687 - 1753)

Dimensioni:

Olio su tela, cm 34 x 47 - con cornice cm 52 x 58

Ubicazione:

Via Pisacane, 55
Milano () Italy

Descrizione

Giorgio Duranti (Brescia, 1687 – Palazzolo sull’Oglio, 1753)
Bosco con uccelli
Olio su tela, cm 34 x 47 – con cornice cm 52 x 58

L’opera in esame, raffigurante un elegante boschetto con alcuni cardellini e passerotti, si può ascrivere alla mano di Giorgio Duranti, naturamortista del Settecento bresciano. L’attendibilità dell’attribuzione è data dal fatto che la tela è individuata da Chiara Parisio parte di una serie, proveniente da una collezione privata, composta da altri due quadri di Duranti, legati dalla medesima cornice: un Gallo con pulcini e Nido di Ghiandaie, quest’ultimo ora esposto alla mostra “Gli animali dell’arte” presso la Pinacoteca Tosio Martinengo di Brescia (19 gennaio-9 giugno 2019). Discendente da una nobile famiglia originaria di Palazzolo sull’Oglio, Duranti intraprese i suoi studi presso il collegio dei gesuiti di Brescia. I biografi insistono sull’ideale di una vita tranquilla, arcadica, soddisfatta di buone letture e dell’esercizio quotidiano della musica con il violoncello, trascorsa prevalentemente a Palazzolo sull’Oglio, dove Duranti godeva di un consistente beneficio ecclesiastico: un documento attesta che divenne abate nel 1732. La sua produzione artistica è costituita dai numerosi quadri di uccelli e volatili di ogni specie, molti dei quali citati dalle fonti e documentati in antiche collezioni, come quella dei conti Avogadro, e nei palazzi delle famiglie nobili di Brescia (Barbisoni e Lechi). Il nucleo principale storico dei dipinti del Duranti è oggi conservato presso la Pinacoteca Tosio Martinengo di Brescia e consiste di tele di vario formato raffiguranti volatili, animali da cortile, uccelli predatori. I dipinti di volatili non si configurano in genere come nature morte, ma più spesso rappresentano animali vivi, ritratti all’aperto con acuto spirito di osservazione: i colori sono ora forti e smaltati, ora più chiari e tenui. Nella tela in esame ormai il pittore si è distaccato da un’illustrazione di tipo scientifico, spostando l’attenzione sull’immediatezza del ritratto del soggetto dal vero. La composizione è connotata da freschezza decorativa e brillantezza nei colori, giocata sui toni del carminio e del caramello.
Duranti aveva una profonda conoscenza degli animalisti fiamminghi, era legato alla scuola settentrionale seguendo gli esempi di Giovanni Agostino Cassana, Cerano e Grechetto, apparendo molto vicino al cosiddetto Pittore di Palazzo Lonati Verri (Biblioteca Sormani, Milano). Anticipa i dipinti di Carlo Antonio Raineri e si inserisce nel nuovo filone di interesse per la Storia Naturale. La produzione degli esordi si inserisce nel periodo in cui l’interesse per la botanica e quello per la zoologia andavano di pari passo La stesura pittorica si distingue per una resa minuta, liquorosa e ricca di trasparenze cristalline, come è dato vedere nelle Due garzette (Pinacoteca Tosio Martinengo, Brescia) o ne Le civette (Accademia Carrara, Bergamo). La committenza dell’epoca, prevalentemente aristocratica, prediligeva grandi scene di caccia articolate e popolate dei più svariati tipi di selvaggina. La fortuna di questo filone durò a lungo, e riguardò anche Venezia, che con l’area fiamminga manteneva intensi scambi economici e culturali, e per riverbero Brescia, città solidamente sotto il dominio della Serenissima. In tale contesto si inserisce la vicenda di Giorgio Duranti, nobile ed appassionato di scienze, che risulterà essere un caso a se stante nel panorama artistico della provincia. Pur seguendo i dettami realistici della pittura lombardo-veneta, egli scelse di impiegare nelle sue opere le figure “ambientate”, come del resto avveniva nei trattati naturalistici del tempo. Per far ciò si avvalse della collaborazione del fratello Faustino e di Andrea Torresani, un valente paesaggista, pure bresciano.

Approfondimenti

Il Rococò

Il Rococò

Lo stile Rococò nacque in Francia e presto si diffuse in tutta Europa. In Inghilterra...
Leggi tutto
Lo stile Luigi XVI

Lo stile Luigi XVI

Nonostante lo stile Luigi XVI prenda il nome dal Re di Francia, chi realmente indirizzava...
Leggi tutto
Lo stile di transizione

Lo stile di transizione

Uno stile lezioso e poco consistente come il Rococò non poteva avere vita lunga. Infatti,...
Leggi tutto
Prezzo: N.D.
Ars Antiqua srl
Via Pisacane, 55
Milano
Italy
0229529057 Comunica al venditore che chiami da Nowarc