60.000,00

Costo di spedizione da concordare con il venditore
PHIDIAS ANTIQUES
Reggio Emilia (IT)
3471422471
Comunica al venditore che chiami da Nowarc

Venditore associato

Epoca

800

Misure

75x125 cm

Descrizione

Giovanni Muzzioli (Modena, 10 febbraio 1854 – Modena, 5 agosto 1894) “La danza delle spade”

Dim. 75x 125 cm.

Giovanni Muzzioli, pittore modenese, si formò all’Accademia di Belle Arti di Modena e completò la sua formazione a Roma e a Firenze. A Roma, dove si trovò dal 1873, si documentò sull’antichità classica e venne a contatto con la pittura “di genere” antichizzante, ispirata alla pittura parietale riportata alla luce dagli scavi di Pompei e delle zone limitrofe. Inoltre, nel 1878 ebbe l’opportunità di approfondire l’argomento e visitò l’Esposizione di Parigi, dove vide le opere di Lawrence Alma-Tadema, artista olandese che divenne il principale esponente di un genere che ebbe molto successo nella seconda metà dell’Ottocento: la pittura neopompeiana. Questa corrente prediligeva la rappresentazione di soggetti del mondo classico e scene di ambientazione antica.
“La danza delle spade”, o “Cubistetèira”, rientra nel genere dei dipinti neopompeiani. L’ambientazione si ispira all’antichità greco-romana: la scena si svolge su una terrazza dalla quale si vede il resto della città. Al centro si tiene una scena di danza: la danzatrice, detta cubistetèira, è intenta in questa danza tra le spade infisse nel terreno, mentre un’altra ragazza davanti a lei suona un flauto doppio. Sulla destra vi sono degli spettatori intenti ad osservare il gioco. Tutti i personaggi sono ritratti in abiti antichi, di stile romano. Sulla sinistra, accanto la ragazza che suona il flauto, è presente una fontana circondata da vegetazione.

In quest’opera Muzzioli propone un momento di vita quotidiana: guarda al mondo antico ma non a personaggi illustri, bensì a figure comuni del popolo. Si cerca una visione più vera della realtà raffigurata e dei soggetti ritratti, tanto che il paesaggio rappresentato può suggerire l’ispirazione a luoghi reali e anche le figure rimandano all’osservazione da parte di Muzzioli di persone comuni del suo tempo.

Oltre a questo preciso dipinto ne esiste un’altra versione conservata a Modena nella collezione della Raccolta d’Arte della Provincia (catalogo della mostra Il vero, la mostra e la finzione, Modena 2009-2010, p.57, tav.12). In quest’ultima si mantengono gli stessi personaggi e la stessa scena di danza, ma al posto della fontana sulla sinistra è raffigurata una colonna ricoperta da una pianta rampicante.

BIBLIOGRAFIA: catalogo della mostra Giovanni Muzzioli. Il vero, la storia e la finzione, G. Martinelli Braglia, P. Nicholls, L. Rivi (a cura di), Torino, 2009

Approfondimenti

60.000,00

Costo di spedizione da concordare con il venditore
PHIDIAS ANTIQUES
Reggio Emilia (IT)
3471422471
Comunica al venditore che chiami da Nowarc

Venditore associato

persone

hanno visualizzato questo articolo negli ultimi 30 minuti.