NowArc - Antiques.Modern.Contemporary

Antonio Coppola (1850-1902), Eruzioni del Vesuvio, Tempera su carta

Descrizione

Antonio Coppola (1850-1902)

Eruzioni del Vesuvio

Tempera su carta, cm 25 x 54 – con cornice cm 77,5 x 137,5

Una carta firmata “A. Coppola” in basso a destra

Al di là del suo valore geofisico, nel corso dei secoli il Vesuvio ha rivestito un importante ruolo per la storia dell’arte: dalle rappresentazioni ad affresco più antiche (I secolo d.C.) fino alle più recenti espressioni dell’arte contemporanea.

Pittori, acquerellisti e incisori di quasi ogni epoca, tendenza e nazionalità lo interpretarono variamente; fra questi italiani, francesi, inglesi, tedeschi, austriaci, russi e danesi ispirati dai più disparati generi e movimenti artistici, dal “pittoresco” al “sublime”, dal “romantico” al “catastrofico”, fino all’“astrattismo”. Fu rappresentato come montagna fumante, spesso con il ruolo di “dominatore del paesaggio”, osservato da più punti lungo il golfo di Napoli, ad esempio da Torre Annunziata e da Portici, o come elemento di base per rappresentare la reazione della gente, che, in preda al terrore per un’eruzione in corso era colta durante la fuga oppure incuriosita osservava la colata lavica.

Le quattro tempere in esame sono state realizzate, come indica la firma posta in basso a destra, da Antonio Coppola (1850-1902), pittore napoletano attivo a Napoli e vissuto nella seconda metà del XIX secolo. Dopo aver frequentato i corsi dell’Istituto di Belle Arti di Napoli soggiornò per due anni in Grecia eseguendo lavori di decorazione. Nel 1883 partecipò alla Mostra di Roma (Un sorcio nel vaso, Al beveraggio e Magra colazione), espose all’Esposizione della Promotrice di Napoli e a Firenze (Dopo un mezzo litro e Le castagne sotto la brace). Alla Promotrice partenopea del 1890 inviò Paesaggio presso Solofra.

Le quattro eruzioni si distinguono per la grande qualità espressa in una delicata atmosfera al chiaro di luna, che contrasta con la luce e l’abbaglio della lava, in particolare nella raffigurazione in basso a destra dove la forza e il calore dell’eruzione sembrano fuoriuscire dalla carta. La potenza del vulcano contrasta con la ricchezza figurativa di quest’opera, dove le figure del popolo, definite con cura da una pennellata abile e veloce, assistono con apparente tranquillità alla scena.

Epoca:

XIX secolo

Dimensioni:

cm 25 x 54 - con cornice cm 77,5 x 137,5

Ubicazione:

Via Pisacane, 55
Milano () Italy
Ars Antiqua srl

Categoria:

Dipinti '800 e '900

Venditore:

Ars Antiqua srl Via Pisacane, 55 Milano Italy

0229529057