Ritratto di Sibilla, Cerchia di Guido Reni (Bologna 1575 – 1642)

4.400€
Costo di spedizione da concordare con il venditore
Antichità Castelbarco
Viale Giovanni Prati, 39
Riva del Garda, Trento
Italy
+39 349 4296409

Epoca:

Seicento

Dimensioni:

tela 57 x 42, incorniciato 74 x 58

Ubicazione:

Viale Giovanni Prati, 39
Riva del Garda, (Trento)Italy

Descrizione

Scuola bolognese del XVII secolo

Cerchia di Guido Reni (Bologna 1575 – 1642)

Ritratto di Sibilla

olio su tela, (cm): tela 57 x 42

incorniciato 74 x 58

Dettagli completi su: www.ANTICHITACASTELBARCO.it

Questo dipinto ad olio su tela del Seicento raffigura un ritratto femminile con le sembianze della Sibilla Cumana, sacerdotessa di Apollo secondo la mitologia classica e così chiamata in quanto risiedeva nella città di Cuma in Campania; si tratta di un’opera di elevato fascino, sia per il soggetto immortalato che per la qualità pittorica, entrambi caratteri che ci mostrano la forte vicinanza con la scuola bolognese del primo Seicento.

In particolare, evidenti sono le analogie con le tipologie di donna ritratte da Guido Reni (Bologna 1575 – 1642) e poi riprese dalla sua prolifica bottega, figure femminili dai caratteri eterei molto spesso raffigurate col turbante all’orientale e lo sguardo fisso rivolto all’osservatore: nel nostro caso la Sibilla viene presentata senza riferimenti particolari al suo ruolo, se non per il copricapo ed il gesto della mano come a voler interrompere il proprio eloquio, ad aumentare il carattere misterioso che da sempre accompagna queste figure.

I tratti del viso, idealizzato secondo i dettami del classicismo seicentesco, come anticipato evocano molti soggetti ideati dal Reni; tra tutti la somiglianza con i lineamenti della celebre Salomè con la testa del Battista della Galleria Corsini a Roma, poi replicata dalla bottega in numerosissime varianti, od ancora con il magnifico ritratto di Beatrice Cenci, che Reni ritrasse durante uno dei suoi soggiorni romani, proprio nelle vesti di una Sibilla,

Un piacevole gioco di chiaro scuri ed un cromatismo vivace, la profonda e dolce espressione del volto che punta gli occhi sullo spettatore, nonché l’intensità del suo sguardo, rendono questa tela un’opera di grande piacevolezza e collocazione.

L’opera, collocabile nella prima metà del Seicento, si distingue per un tratto pittorico leggero, nell’attenzione riposta alla resa nei panneggi ed al contrasto cromatico.

Il dipinto, esaltato da uno splendido craquelè, si presenta in condizioni di conservazione eccellenti. Rintelo eseguito nel tardo Ottocento. Completo di cornice non coeva.

Per ulteriori informazioni siete invitati a contattarci.

Dipinto corredato di certificato di autenticità fotografico a norma di legge (FIMA – CINOA)

4.400€
Costo di spedizione da concordare con il venditore
Antichità Castelbarco
Viale Giovanni Prati, 39
Riva del Garda, Trento
Italy
+39 349 4296409