8.000,00

Costo di spedizione da concordare con il venditore
Ars Antiqua Srl
Via C.Pisacane, 55
Milano (IT)
0229529057
Comunica al venditore che chiami da Nowarc

Venditore associato

Epoca

XVII secolo

Misure

Olio su tela, cm 86 x 74 – Cornice cm 95,5 x 107

Descrizione

Scuola romana, XVII secolo
Il venditore di galline e funghi – Allegoria della temperanza
Olio su tela, cm 86 x 74 – Cornice cm 95,5 x 107

L’opera esaminata è da riferirsi ad un pittore romano del XVII secolo che ben conosceva le opere di Monsù Bernardo, Eberhard o Bernhard Keilhau (1624-1687). Identificato per la prima volta soltanto a partire dal 1938 da parte di Roberto Longhi, che seppe, lungimirante, distinguerne la pennellata pastosa del maestro danese da quella di Antonio Amorosi, e ne colse le affinità con Domenico Fetti, fu poi merito di Federico Zeri l’evidenziare alcune affinità con Bernardo Strozzi, grazie al ritrovamento nella Galleria Pallavicini di Roma di una copia della nota Cena in Emmaus che il Cappuccino replicò più volte. Keil fu discepolo nientemeno che del Rembrandt tra il 1642 e il 1644. A seguito del brillante noviziato, l’artista aprì una propria bottega ad Amsterdam, quindi discese in Italia soggiornando un primo tempo a Venezia (1651-1654). Si mantenne nei territori della Serenissima portandosi a Bergamo e in altri centri lombardi. In quel periodo Monsù Bernardo eseguì numerosi ritratti per i committenti locali e strinse amicizia con Evaristo Baschenis; inoltre, si recò in visita a Milano. Nei molti mesi (due anni, secondo Filippo Baldinucci) in cui risiedette a Bergamo, dipinse anche dipinti raffiguranti bambini e giovani. Mosse verso la Romagna, rimpinguandosi del colorismo di Forlì e Ravenna, ma fu solo a Roma, dove avrebbe lavorato per il resto della sua vita, che donò al verismo successivo una decisiva sequela di modelli figurativi. Giunto nella capitale il 31 marzo del 1656, Keil entrò in bruciante contatto con la Scuola dei Bamboccianti costituita dal conterraneo Pieter Van Laer, spiccandovi per un certo caravaggismo. Nella capitale conobbe fortunosamente Giovanni Antonio Parravicini, nobile milanese, che ne apprezzò talmente l’opera da acquisire ben cinquanta sue tele, tra prima mano e repliche, per gli ambienti della propria Villa Perlasca sul lago di Como. Il Baldinucci, nelle sue Notizie de’ professori del disegno da Cimabue in qua (Firenze 1728, VI) ne rammentò l’eccezionale riconoscimento europeo, destinato ad influenzare l’opera futura di Salvator Rosa. La sua opera fu molto intensa, si specializzò in ritratti, composizioni religiose ed opere molto realistiche che descrivono la vita quotidiana. È stato uno dei più originali pittori di genere e influenzò l’arte di artisti quali come detto Salvator Rosa, Antonio Amorosi e altri rappresentanti della pittura italiana Sei e Settecentesca, con soggetti visionari e popolareschi.
Monsù Bernardo raffigurò con sensibilità bambocciante personaggi anziani, giovani, contadini e artigiani, colti in semplici gestualità, quali ritratti di vita quotidiana.
La stesura, come nella tela in esame, è morbida, ma capace di descrivere con sincerità i volti senza mai trascendere nel crudo realismo di matrice caravaggesca o lombarda. Questa inclinazione fu rilevante nello svolgersi della pittura tenebrosa veneziana e si può immaginare un dialogo tra le opere di Monsù con il genovese Giovanni Battista Langetti.
Il dipinto qui presentato potrebbe essere parte di una serie allegorica rappresentante le stagioni o le virtù. Più precisamente potrebbe essere correlato con l’Allegoria della Temperanza. Se da un lato, infatti, la presenza delle uova e delle galline è legata al detto Meglio un uovo oggi che una gallina domani, i funghi sono direttamente legati alla Scelta, alla difficoltà di riconoscere se tali frutti della terra siano buoni o dannosi.
Stilisticamente il nostro venditore è raffrontabile, date le forti somiglianze, con svariati ritratti e scene di genere realizzate dal Monsù, conservate sia in collezione privata che musealizzate, come ad esempio La parabola degli operai in una vigna, nella collezione del Principe Antici Mattei a Roma, Il vignaiolo del Wallraf-Richartz-Museum di Colonia e Il vecchio che versa l’olio in una lampada del Museo delle Belle Arti di Tours.

Con Ars Antiqua è possibile dilazionare tutti gli importi fino a € 5.000 a TASSO ZERO, per un totale di 12 RATE.
Es. Tot. € 4.500 = Rata mensile € 375 per 12 mesi.
Es. Tot. € 3.600 = Rata mensile € 720 per 5 mesi.
Per importi superiori a € 5.000 o per una maggiore dilazione nel tempo (oltre 12 rate), possiamo fornire un pagamento personalizzato.

Contattaci direttamente per avere il miglior preventivo.

DIRETTA TV
– DOMENICA 17.00 – 21.00 Dig.terr. 126 – Sky 861 – 937
– In streaming sul nostro sito www.arsantiquasrl.com e sui nostri social Facebook e Youtube

Approfondimenti

8.000,00

Costo di spedizione da concordare con il venditore
Ars Antiqua Srl
Via C.Pisacane, 55
Milano (IT)
0229529057
Comunica al venditore che chiami da Nowarc

Venditore associato

persone

hanno visualizzato questo articolo negli ultimi 30 minuti.