Valentino Rovisi, Autoritratto giovanile

Prezzo: N.D.
Ars Antiqua srl
Via Pisacane, 55
Milano
Italy
0229529057

Epoca:

(1715-1783)

Dimensioni:

Olio su tela, cm 35 x 28

Ubicazione:

Via Pisacane, 55
Milano () Italy

Descrizione

Valentino Rovisi (1715-1783)
Autoritratto giovanile
Olio su tela, cm 35 x 28

Il dipinto qui esaminato costituisce una preziosa testimonianza dell’iniziale attività giovanile del pittore Valentino Rovisi, all’epoca del suo primo soggiorno veneziano nella bottega del grande maestro Giambattista Tiepolo, tra il 1728 ed il 1734. L’artista, originario di Moena in Val di Fiemme, dove era nato il 23 dicembre 1715, si aggiunse ai numerosi pittori che apprendevano i modi stilistici, le invenzioni iconografiche, direttamente a contatto col maestro e dinnanzi alle sue opere, alle quali spesso collaborarono, specie nei vasti cicli di affreschi. Giunse a Venezia una prima volta nel 1728 per ricevere i rudimenti tecnici ed avvicinarsi alla cultura figurativa attraverso la pratica del disegno e della copia sotto la guida del maestro: la sua scelta fu favorita dalle relazioni commerciali che il padre intratteneva con la Serenissima e dalle sollecitazioni del cugino ed amico pittore Martino Gabrielli. Dopo il ritorno in patria, documentato dalle opere dipinte per la committenza religiosa e le nobili famiglie locali, giunse nuovamente a Venezia dal Tiepolo circa dieci anni dopo nell’autunno del 1743, questa volta per un soggiorno non più formativo ma di vera e propria collaborazione, durato sino al 1752. L’opera qui in esame, accostabile a quella di identica iconografia pubblicata in apertura del catalogo della mostra del pittore (1), costituisce un prezioso documento, di qualità superiore rispetto del resto all’opera pubblicata, che il Rasmo, primo nel 1966 ad individuarvi l’autoritratto del Rovisi, riferiva ad un periodo antecedente alla conoscenza del Tiepolo (2). Condividiamo invece l’osservazione di Chiara Felicetti la quale propone il piccolo ritratto di collezione privata quale derivazione figurativa dal Ragazzo con libro del Museu of Art di New Orleans, realizzato dal Tiepolo tra il 1725 ed il 1730, testimoniandone perciò il primo apprendistato proprio per quegli anni. L’opera da noi proposta presenta una più evoluta consapevolezza del fare pittorico: più morbida e modulata la resa luministica, più corpose e vivaci le ampie campiture cromatiche, più espressivo lo sguardo ed il sorriso appena pronunciato. Vale per il nostro dipinto quanto osservato dalla Felicetti nella scheda del catalogo dell’opera collocata in apertura della mostra relativa al Rovisi: “L’impiego di una inquadratura molto ravvicinata contribuisce ad evidenziare l’atmosfera spontanea, sottolineando maggiormente l’espressione scanzonata dell’artista che, ancora adolescente, sfoggia uno sguardo vivace e curioso che con la coda dell’occhio incontra quello dello spettatore trascinato verso la tela dal sorriso ammiccante del personaggio”(3).

Approfondimenti

Il Rococò

Il Rococò

Lo stile Rococò nacque in Francia e presto si diffuse in tutta Europa. In Inghilterra...
Leggi tutto
Lo stile Luigi XVI

Lo stile Luigi XVI

Nonostante lo stile Luigi XVI prenda il nome dal Re di Francia, chi realmente indirizzava...
Leggi tutto
Lo stile di transizione

Lo stile di transizione

Uno stile lezioso e poco consistente come il Rococò non poteva avere vita lunga. Infatti,...
Leggi tutto
Prezzo: N.D.
Ars Antiqua srl
Via Pisacane, 55
Milano
Italy
0229529057