9.000,00

Costo di spedizione da concordare con il venditore
Ars Antiqua Srl
Via C.Pisacane, 55
Milano (IT)
0229529057
Comunica al venditore che chiami da Nowarc

Venditore associato

Epoca

XIX secolo, Manifattura Elkington

Misure

Rame cesellato, galvanicamente placcato in oro, diametro cm 33,5

Descrizione

XIX secolo, Manifattura Elkington (George and Henry Elkington, 1801-1865 e 1804-1852)
Ragazze Pompeiane al bagno, firmato e datato “Morel-Ladeuil, 1876 inv. e fecit”
Cleopatra, firmato e datato “ Thomas Spall, fecit 1889, Willims inv.”
Rame cesellato, galvanicamente placcato in oro, diametro cm 33,5 – con cornice cm 43,5 x 43,5

La coppia di tondi in rame cesellato in esame è da riferire alla pregiata manifattura di George Richards Elkington (17 ottobre 1801 – 22 settembre 1865), produttore di Birmingham e inventore del primo processo di elettroplaccatura commerciale, il cui brevetto ne porta il nome. Il tondo raffigurante Ragazze Pompeiane è opera di Léonard Morel-Ladeuil (Clermont Ferrand, 1820 – Parigi, 1888), orafo e scultore francese, tra i più importanti “designer” della compagnia inglese. Ottenne l’apprezzamento di Napoleone III attraverso diverse commissioni, provocando l’invidia dei contemporanei, infastiditi dal fatto che un artigiano ottenesse commissioni direttamente dal re, arrivando a boicottare il giovane artista e il vaso Danza della Volontà, impedendone la vendita. Incoraggiato dal mercante straniero a Parigi, Marché, a continuare, si concentrò principalmente nella produzione di statuette di carattere religioso, fino al 1859, quando gli Elkington, in vista della Grande Esibizione del 1862, gli offrirono un lavoro nella loro fabbrica a Birmingham. Morel-Ladeuil lavorò per la manifattura per ventitré anni; il primo risultato fu uno dei suoi più celebri capolavori, lo Scudo dedicato al Paradiso perduto di Milton (in acciaio repoussé e argento), opera di punta all’Esposizione di Parigi del 1867. Lo scudo venne acquistato dal governo inglese per £ 3.000; il successo di tale opera è dimostrata dalla diffusione in tutto il mondo di copie prodotte con l’innovativa tecnica della galvanoplastica.
Il tondo in esame, nel suo modello primario, fu realizzato in argento come opera principale dello stand della Elkington&Co per l’esposizione di Philadelphia nel 1876, con la tecnica nota come repoussé o repoussage. Tale metodo consiste nella lavorazione di metalli malleabili ornati e modellati martellando dal retro per creare un profilo in bassorilievo. A seguito dell’evento, il produttore ricevette numerose commissioni della stessa, esposta poi all’Esposizione di Parigi del 1878, riportando sul retro la dicitura della manifattura e del copywright tradotti in quattro lingue. Una copia del tondo in esame è conservata presso il Victoria&Albert Museum di Londra.
L’opera presenta una donna sdraiata su un divano dopo aver lasciato il bagno attorniata dalle ancelle che la assistono durante la vestizione, entro un colonnato ionico riccamente ornato da ghirlande. La scena è pregna di dettagli: dalla consolle sostenuta da gambe a forma di sfinge su cui si erge una statua animata di un fauno danzante, alla lampada parzialmente nascosta alla vista dalla colonna, al treppiedi che sostiene un vaso colmo di fiori. L’opera di Morel-Ladeuil è composta di soli 35 pezzi, che rivelano però pienamente la sua elegante e raffinata fantasia e grazia, il suo sentimento per un ornamento corretto e delicato e il suo amore per la pura arte segnata da un gusto elevato seppur piuttosto sentimentale e uno stile nobile, pieno di dettagli e chiaramente definito, dimostrando di essere un grande artista e maestro artigiano. I libri dei visitatori di Elkington (che si trovano nella Biblioteca nazionale d’arte) raccolgono copie delle Ragazze pompeiane realizzate per i clienti due anni dopo la Mostra di Philadelphia e la Mostra di Parigi. Nel 1904, la sua biografia riporta: “Per l’Universale Esposizione del 1876, a Filadelfia, Morel-Ladeuil ha preparato un’importante opera d’arte, una grande placca circolare figurativa in argento dorato a bassorilievo, La Toilette di una signora pompeiana … ” Tale motivo divenne rapidamente molto popolare, incantando il pubblico con la grazia delle figure e l’armonia della composizione; artisti suoi contemporanei e la critica ammirarono lo straordinario gruppo figurativo centrale, mentre la stampa in America, Inghilterra e Francia definì l’opera una tra le più importanti e stupende nella mostra. L’opera d’arte originale non fu venduta, ma numerose riproduzioni in elettrotipia furono acquistate in Inghilterra e in America. “(Léon Morel, L’Oeuvre de Morel-Ladeuil, Sculpteur-Ciseleur, 1820-1888, A. Lahure, Parigi, 1904, pp. 24-25). Alla morte di Morel nel 1888 la fabbrica si affidò ad un degno e abile successore: Mr. Thomas Spall. Il suo pezzo più importante fu “Virgilio”, uno scudo eseguito in argento dalla fabbrica di John Watkins di Birmingham e South Kensington, venduto all’epoca per l’impressionante cifra di £ 1.500. Il tondo di Thomas Spall raffigura, in pandant con il precedente, una scena che vede al centro della composizione un gruppo di donne, questa volta abbigliate secondo la moda egiziana, come si evince dai copricapi portati dai sovrani c

Approfondimenti

9.000,00

Costo di spedizione da concordare con il venditore
Ars Antiqua Srl
Via C.Pisacane, 55
Milano (IT)
0229529057
Comunica al venditore che chiami da Nowarc

Venditore associato